Impianto elettrico e impianto domotico: differenze e costi

Impianto elettrico e impianto domotico: differenze e costi

Se siete alle prese con la ristrutturazione della vostra casa, sicuramente avrete sicuramente richiesto un preventivo per il rifacimento dell’impianto elettrico.

E sicuramente vi sarete informati sulle detrazioni fiscali dovuti a questo tipo di intervento.

Magari però non avete preso in considerazione altre soluzioni che, al termine dei lavori, vi garantiscono lo stesso costo, ma con una tecnologia più elevata.

Erroneamente si crede che l’impianto domotico costi di più. Siete davvero sicuri?

Impianto elettrico e impianto domotico: pro e contro

Per avere un quadro generale più chiaro è necessario analizzare i due tipi di impianto e comprendere quali sono le sostanziali differenze.

Impianto elettrico

  • L’impianto elettrico tradizionale è realizzato con collegamenti fisici che, una volta realizzati, non consentono modifiche se non con ulteriori opere murarie.
  • Il materiale necessario per la realizzazione comprende numerosi cavi, tubi e canali che si riflettono nel costo finale dell’impianto, escludendo inoltre la manodopera che solitamente viene conteggiata a parte.

Impianto domotico

  • Una volta realizzato l’impianto, è possibile aggiungere o modificare le funzionalità senza ulteriori opere murarie.
  • È un sistema intelligente che si integra facilmente
  • Maggiore sicurezza in quanto la normale tensione presente nei punti di comando a 220 v viene sostituita con quella bassa a 24 v

Impianto elettrico e impianto domotico: una stima dei costi

Premesso che senza un sopralluogo non è possibile effettuare un calcolo preciso del prezzo di un impianto elettrico, vi proponiamo un preventivo indicativo per un’abitazione di circa 100mq.

Gli ambienti sono i seguenti:

  • Ingresso
  • Cucina
  • Soggiorno
  • Bagno
  • Due camere

Queste invece le opere necessarie per la realizzazione dell’impianto elettrico:

  • Tracciatura sul muro
  • Scanalatura lungo le linee di tracciatura
  • Collocazione e muratura di cassetta e di scatola di derivazione
  • Posa e muratura del tubo
  • Rasatura muro
  • Inserimento dei cavi conduttori
  • Collegamento di apparecchi
  • Cablaggio della cassetta di derivazione
  • Verifica Finale

Indicativamente il costo di questo impianto è di 6/7.000 €

Aggiungendo la predisposizione domotica non ci si discosta di molto da questa cifra.

Ecco nel dettaglio gli elementi aggiuntivi per avere l’impianto domotico invece di quello tradizionale:

  • Elementi da quadro domotici
  • Comandi domotici
  • Integrazione del sistema domotico

In totale la spesa potrà arrivare all’incirca a 8/9.000 €.

Come possiamo vedere dunque l’impianto domotico non è poi così costoso come si crede.

C’è da fare inoltre un’altra importante precisazione.

L’adeguamento o il rifacimento di un impianto elettrico tradizionale consente di usufruire delle detrazioni fiscali del 50%.

L’impianto domotico invece consente di poter usufruire degli ecobonus domotica 2017 (di cui abbiamo parlato in uno dei nostri precedenti articoli) che arrivano invece al 65%.

In pratica i costi dei due impianti sono pressoché uguali.

Con un impianto domotico però il risparmio nel lungo periodo è sicuramente maggiore in quanto si ha un controllo dei consumi totale e di conseguenza un sostanziale risparmio in bolletta.

Puoi richiedere maggiori informazioni in qualsiasi momento: inviando una mail a info@domoticone.it, scrivendo in chat o su Messenger all’interno del nostro sito oppure telefonando al numero 02 33911674.